La tabella riporta alcuni esempi di protocolli di condionamento pre-trapiano di cellule staminsali

15/05/2021

Linfoma follicolare - Il ruolo del trapianto di cellule staminali allogeniche ("allotrapianto")

(Ultimo aggiornamento: 07/06/2021)

Autore: Vincenzo Cordiano

L'uso del trapianto di cellule staminali emopoietico nel linfoma follicolare è stato oggetto di dibattito e di analisi in numerosi studi clinici. Il trapianto di cellule staminali emopoietiche è di solito consigliato ai pazienti con linfoma follicolare recidivato o refrattario o in quello in cui è avvenuta la trasformazione ad un linfoma istologicamente progressivo, purché la malattia rimanga chemiosensibile. Il trapianto allogenico è risultato efficace in alcuni pazienti con malattia refrattaria alla chemioterapia, ma, in genere i risultati non sono soddisfacenti. Il trapianto allogenico è gravato da percentuali più elevate di mortalità (15-25%) ma probabilmente guarisce un maggior numero di persone (50-60%). Il ricorso a protocolli di condizionamento non mieloablativo o a ridotta intensità può ridurre la mortalità dal trattamento, al prezzo, tuttavia, di un maggior rischio di recidive. I pazienti che recidivano dopo un trapianto autologo costituiscono, probabilmente, la principale indicazione al trapianto allogenico non mieloablativo. Se il linfoma follicolare recidiva dopo il trapianto allogenico, tra le diverse opzioni ricordiamo la riduzione dell'immunosoppressione, l'infusione dei linfociti del donatore di midollo, il trattamento con una chemioterapia di salvataggio o la partecipazione ad uno studio clinico sperimentale, se disponibile, con uno dei tanti nuovi farmaci.

Le informazioni contenute nel sito www.alcmeone.it non devono essere utilizzate per la diagnosi di malattie e patologie umane, tantomeno per la loro cura. Lo staff editoriale del sito www.alcmeone.it è continuamente impegnato nel controllo delle informazioni fornite negli articoli pubblicati e, in particolare, che siano corrette ed aggiornate le informazioni ed i dati relativi alla terapia delle malattie umane. La medicina non è però una scienza esatta ed è in continua evoluzione. Pertanto le informazioni anche recenti possono essere smentite o contraddette dai risultati di nuovi studi o da più recenti acquisizioni tecnologiche.

Le informazioni fornite dal sito www.alcmeone.it hanno soltanto finalità divulgative e non devono essere utilizzate quindi per la diagnosi e la cura delle patologie umane. Gli autori degli articoli ed i curatori del sito sopra ricordato declinano pertanto ogni responsabilità derivante dall’inappropriato utilizzo delle informazioni contenute in qualsiasi sezione del sito stesso. Le affermazioni, le opinioni, le raccomandazioni e ogni contenuto delle monografie sono responsasbilità dei singoli autori e non del curatore del sito www.alcmeone.it